La principale caratteristica del pavimento industriale è la grande resistenza ai carichi, urti e usure.

Proprio per questo motivo una progettazione accurata nei vari complessi industriali e residenziali è indispensabile. Uno studio mirato al singolo utilizzo della pavimentazione porta alla scelta dell’armatura strutturale, della preparazione del fondo di posa in stabilizzato, del tipo e resistenza della lastra in calcestruzzo e dello strato superficiale antiusura. Per ottimizzare la resistenza superficiale viene applicato il manto d’usura più idoneo all’attività che verrà svolta sulla pavimentazione.

ARMATURE E GIUNTI DI COSTRUZIONE

I getti di costruzione suddividono le campiture di getto giornaliero. Avendo un movimento orizzontale e non verticale prevengono problemi funzionali al passaggio dei macchinari industriali e costosi interventi futuri di manutenzione.

GETTO CON LASER SCREED

Il risparmio della forza fisica! L’utilizzo della Laser Screed permette di vibrare e livellare la pavimentazione in calcestruzzo con una elevatissima precisione e maggiore velocità di stesura. L’utilizzo di un rapporto acqua/cemento più basso permette un minor ritiro igrometrico del calcestruzzo, dando notevoli vantaggi.

PAVIMENTAZIONE A SPOLVERO DI QUARZO

Viene spolverata sul getto fresco una miscela di quarzo-cemento con sistema manuale o meccanizzato che viene poi lisciata da una vibrofonitrice ad elica fino ad ottenere una superficie omogenea e costante. L’esecuzione dei giunti di dilatazione viene eseguita a poche ore dalla finitura del pavimento con tagliagiunti meccanica e sigillati con una guaina in pvc.

PAVIMENTAZIONE CON SISTEMA A PASTINA

Le pavimentazioni industriali a pastina danno una maggior resistenza meccanica superficiale e vengono utilizzate soprattutto nell’industria pesante. Viene applicato sul calcestruzzo fresco un impasto di quarzo-cemento e acqua con uno spessore medio di 8-10 mm, la scelta del materiale indurente e del quantitativo da applicare è determinata dall’entità dell’azione abrasiva sulla pavimentazione.

RISANAMENTO PAVIMENTAZIONI DETERIORATE

Interventi mirati su pavimentazioni degradate con risanamenti cementizi o resilienti a basso spessore per ridar vita e lucentezza al vecchio supporto. Vengono eseguite demolizioni con smaltimento dei materiali e studi mirati sul prodotto da applicare.

PIAZZALI ESTERNI

Le pavimentazioni esterne sono soggette a forti escursioni termiche e continue intemperie, ai raggi solari ed ai cicli di gelo-disgelo. Richiedono quindi opportuni accorgimenti in fase progettuale.

  • Prevedere una pendenza di almeno 1,5 cm/metro per lo scolo delle acque piovane
  • Predisporre canaline di raccolta di adeguato dimensionamento
  • Realizzare una finitura di tipo “scopata” o a buccia d’arancio antiscivolo
  • Utilizzare impregnanti superficiali al fine di consolidare e proteggere dal gelo
  • Utilizzare un calcestruzzo a prestazione specifico di tipo XF3 o XF4 in funzione della particolare esposizione ambientale trovando un compromesso tra qualità del prodotto e finitura superficiale

ind-3

ind-6

ind-4

 

ind-2

ind-5